Translate

sabato 23 febbraio 2013

Bai Jia Bei

Tramite Nadia (Akela) ho conosciuto oggi questa tradizione cinese, il BAI JIA BEI e riporto qui la definizione e le istruzioni che ho trovato nel web.
Intanto preparo il mio ritaglio per Marta....





Narra la leggenda che l'ultima imperatrice della dinastia Qing, che era l'unica tra le concubine che aveva dato un erede all'imperatore, costretta ad abbandonare il suo bambino, per proteggerlo da ogni insidia pensò di chiedere a cento famiglie tra quelle più in vista dell'Impero di offrire ciascuna un pezzo della seta più bella, con cui confezionò un lungo abito per suo figlio, cosicchè il principino fu simbolicamente rivestito di nobiltà e fortezza e degli auspici dei maggiorenti dell'Impero. 
Così in Cina è nata la tradizione del Bai Jia Bei, usanza che perdura tuttora, allo scopo di attirare sul bambino tutte le forze benefiche provenienti dalle persone che gli vogliono bene, in modo che sia protetto per tutta la vita dalle avversità. 
Cento pezzetti di stoffa, ognuno abbinato a un nome e a un augurio personalissimo indirizzato al bambino che arriva. 
Cento pezzetti di stoffa per una coperta che dovrà tramandarsi di generazione in generazione. 

Bai = 100 - Jia = Famiglie - Bei = da 
Bai Jia Bei = Da cento famiglie. 

ecco come fare: 

1) Scegliere e ritagliare un riquadro di stoffa di cotone 100% o seta delle dimensioni di 25 cm. per 25 cm. che in qualche modo vi rappresenti e rappresenti l'augurio che volete fare al bambino a cui è destinato (potrebbe essere anche dipinto o ricamato a mano da chi lo regala); 
2) ritagliare un ulteriore pezzetto della stessa stoffa delle dimensioni di 6 cm. per 6 cm. da allegare al biglietto di auguri che scriverete per il bambino in arrivo, in modo che il riquadro di ciascuno possa essere successivamente individuato; 
3) Inviare il tutto al destinatario. 


Immagini di Bai Jia Bei sempre dal web:
http://it.bing.com/images/search?q=BAI+JiA+BEI&FORM=HDRSC2

1 commento: